Stampa

Escursione Arvogno - Blitz

Postato in Valle Vigezzo

 

 

L' escursione da Arvogno al Blitz, nonostante non ci siano punti di particolare pericolo, è consigliata solo ad escursionisti esperti per la sua lunghezza di ben 20,5 Km. ed il sentiero che in alcuni tratti è poco visibile… La fatica è largamente pagata dai panorami e dalla soddisfazione di portare a termine questa bellissima escursione "dietro le quinte" della Valle Vigezzo che ci porterà attraverso ben 5 bocchette! Inutile sottolineare che un' auto andrà lasciata in località La Vasca nel comodo parcheggio davanti al rifugio.

 

 

DESCRIZIONE.

 

 

Arrivati ad Arvogno si prosegue in auto fino al piccolo parcheggio sotto la funivia, consigliamo di lasciare l' auto qui e di scendere lungo la strada a piedi. Al termine della strada troviamo le prime indicazioni ( foto ) e seguiamo le indicazioni per l' Alpe Verzasco o il Lago Panelatte, ed inizia così una delle più lunghe scalinate presenti in val d' Ossola che ci porta  all' Alpe Verzasco a quota 1393 mt. dove si seguono le indicazioni per l' Alpe Villasco ( foto ).

Arrivati a Villasco a quota 1644 mt. si seguono le indicazioni per San Pantaleone ( foto ) passando per l' Alpe I Motti a quota 1844 mt. ( foto ), arrivati alla Cappelletta del santo a quota 1992 mt. ( foto ) il nostro percorso prevede di deviare a sinistra e raggiungere prima il Lago Panelatte a quota 2062 mt. ( foto ) e poi la Forcola di Larecchio a quota 2146 mt. ( foto ). Questa deviazione dà modo di godere dello splendido panorama dalla Forcola. Ritornati alla Cappelletta di San Pantaleone di seguono le indicazioni giallo rosse poste sul suo lato per la Bocchetta del Ruggia ( foto ), quindi si procede con un lungo traverso ed uno strappo finale per arrivare in Bocchetta ( foto ). Una volta raggiunta ( foto ) si scende all' Alpe di Ruggia a quota 1888 mt. ( foto ) e si prosegue per la Bocchetta di Muino passando per gli omonimi laghetti, arrivati in Bocchetta a quota 1974 mt. ( foto ) si gode del panorama per poi retrocedere di alcuni passi e prendere il sentiero che sulla sinistra fa un lungo traverso perdendo e poi riguadagnando molti metri di dislivello ( foto )…

E' possibile prima di salire alla bocchetta seguire le indicazioni del sentiero che taglia per i prati e si ricollega al sentiero che scende dalla bocchetta, limitando così il sali - scendi. 

Si arriva quindi alla  Madonna del Rosario a quota 1995 mt. ( foto ) dalla quale è possibile prendere due sentieri, il primo alcuni metri prima della Bocchetta della Cima svolta a sinistra ( ed è quello presente in questo percorso ), il secondo parte dopo la bocchetta sulla sinistra e deve essere cercato nel tratto iniziale perché poco visibile, poi diventa ben evidente e percorrendo le montagne in cresta porta alla Bocchetta di S. Antonio ( traccia gialla ).

Il primo sentiero invece prosegue in falso piano per poi scendere in una valletta proprio sotto la Cima Sassone identificabile dalla croce, alcuni metri prima del segnavia in vernice ( giallo - rosso -giallo ) che porta all' Alpe Isornia di Basso un sentiero non molto visibile si stacca sulla destra e sale sulla bocchetta che dobbiamo raggiungere.

Dalla bocchetta parte un sentiero che porta in Località Ganda Rossa, purtroppo non è ben visibile e non è segnalato, inoltre le tracce delle capre possono indurre a seguire falsi sentieri. Nel caso, l' importante è cercare di andare a fondo valle per riprendere il sentiero corretto.

Si scende quindi nella valle perdendo molti metri di dislivello per poi risalire in comodi tornati fino alla Bocchetta di Sant' Antonio a quota 1844 mt. ( foto ).

Dalla Bocchetta è possibile raggiungere la cima del Monte Ziccher ( per chi avesse ancora voglia di camminare… ) oppure si segue il largo e ben segnato sentiero che porta all' Alpe Cortignasco e che poi scende fino in località La Vasca.

 

Scarica traccia GPS : clicca qui.gps

 

SOLUZIONI PER SOGGIORNO.

Per questa escursione noi ti consigliamo : Appartamento Vacanze Melissa, perfetto per chi fa trekking!

Arvogno - Bliz

 

 

Dislivello 1630 mt.

Tempo tot. 7,30 ore

 

difficoltà EE

 

Periodo :

maggio-settembre

 

Cop. telefonica :

a tratti

 

 

mappa1

 Map Geo Admin

 

 

 meteo

 Controlla Meteo

 

 

 wiki

 

 Wikipedia

 

 Help

 

 Segnala errori

 

 

ATTENZIONE :
l'immagine del percorso non rispecchia fedelmente il tracciato dell' escursione, ma serve per dare un'immagine d'insieme della gita.
Si consiglia di munirsi di mappe o di stamparla con Map Geo Admin, per saperne di più clicca qui.
 
 
 

Consigli per gli acquisti...

pub    pub

Stampa Mappa

Il servizio Map Geo Admin è messo a disposizione gratuitamete dalla Confederazione Svizzera ed è un portale per geoinformazioni, geodati e geoservizi.

carta

video1

Map geo admin

Scopri come usarlo
clicca qui